La formulazione del giudizio di affidabilità

Torna a Formazione tecnica

Percorso formativo

Tecniche bancarie

 

OBIETTIVI

L’intervento propone di sensibilizzare i partecipanti sull’importanza del fatto che la formulazione di un giudizio di affidabilità sia un atto di altissima responsabilità che richiede, non solo una corretta interpretazione di dati e statistiche, ma anche l’adozione di una condotta sincera e leale per trasmettere sensazioni e percezioni, talvolta sconosciute all’organo superiore, a causa della mancanza di un contatto diretto con il cliente.
Il linguaggio dell’analista può essere tecnico, talvolta addirittura criptico, riservato a pochi specialisti, mentre quello dell’addetto al fido deve essere chiaro, franco e comprensibile, sia per il cliente che per l’organismo superiore.
La pratica di fido è un elaborato complesso che raccoglie valutazioni e considerazioni tecnico-giuridiche, che potrebbero essere lette con distacco sotto l’aspetto statistico e con severità sotto il profilo delle azioni di salvaguardia, se non venissero efficacemente accompagnate e supportate da slanci professionali di assistenza e di consulenza alla clientela affidata ed affidanda. L’impegno di chi gestisce il credito aumenta dopo la fase della concessione, nell’opera di monitoraggio al fine di verificare la destinazione degli affidamenti ovvero che le varie forme tecniche di finanziamento vengano utilizzate per gli stessi motivi per cui sono state richieste e deliberate.

DESTINATARI

Responsabili e addetti controlli interni, responsabili e operatori commerciali, addetti e responsabili ufficio fidi, ufficio controllo crediti e contenzioso

PROGRAMMA

  • La richiesta di fido: il momento e le forme tecniche
  • Vita dell’impresa e scadenza dei fidi
  • Fabbisogni dell’impresa e tipologia delle facilitazioni
  • La definizione del cliente e della sua attività
  • Personalità e professionalità dell’imprenditore
  • Andamento del settore economico di appartenenza
  • Mercato di riferimento e tipologia dei prodotti dell’impresa
  • Gli impegni del cliente verso il sistema
  • Interpretazione delle anomalie ricavabili dalla scheda della Centrale dei Rischi
  • Tempestività degli interventi e vantaggi di alcuni istituti nei confronti degli altri
  • L’analisi del report di bilancio e l’individuazione dei campi di primario interesse
  • La dinamica reddituale, patrimoniale e finanziaria
  • Gli indicatori di bilancio più significativi nel contesto in esame
  • Le considerazioni sull’andamento della relazione
  • La ricerca degli equilibri reddituali, patrimoniali e finanziari
  • Il confronto tra il report, le note della segreteria centrale e quelle della filiale
  • Il rendiconto finanziario e le anomalie andamentali con particolare riferimento all’utilizzo di fidi per cassa
  • Le visite aziendali e le considerazioni organizzative e gestionali
  • La preparazione delle domande da fare al cliente
  • L’indagine sull’organizzazione aziendale e sulle criticità gestionali
  • Il confronto con il cliente sul quadro del punto di pareggio e sulle opportunità di capitalizzazione dell’impresa
  • La formulazione e la stesura del giudizio di affidabilità
  • I criteri adottati per la determinazione di merito
  • La valutazione sintetica della capacità di indebitamento
  • La motivazione della garanzia e la sua influenza sulla decisione finale
  • Il rapporto tra il pricing e l’intensità del rischio
  • L’interesse specifico della Banca

DURATA

1 giornata

MODALITÀ DI FRUIZIONE

Aula

RICHIEDI INFORMAZIONI

Se hai qualche curiosità sul corso non esitare a contattarci, ti risponderemo prima possibile.

Consensi privacy

Con l’espressione del mio consenso, e sulla base dell’informativa sulla privacy...
"Informazioni rese ai sensi del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 così come aggiornato e modificato dal Decreto legislativo n.101 del 10 agosto 2018 nonché del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE, (di seguito anche 'Regolamento Europeo' o 'GDPR')..." leggi tutte le informazioni...,
autorizzo al trattamento dei dati personali esclusivamente ai fini specifici come di seguito individuati:

1. Autorizzo al trattamento dei dati personali riportati nelle informazioni, esclusivamente ai fini dell'oggetto della presente richiesta di contatto. (Consenso obbligatorio per ottenere lo specifico servizio richiesto)

2. Autorizzo al trattamento dei dati personali riportati nelle informazioni, esclusivamente ai fini dell'invio della newsletter RES/Cognosco non aventi natura commerciale e non comportanti profilatura della clientela né la cessione a terzi sponsor. (Consenso facoltativo)

3. Autorizzo al trattamento dei dati personali riportati nelle informazioni, esclusivamente ai fini della comunicazione di future iniziative commerciali o convegnistiche organizzate da RES srl, autorizzando detto trattamento dichiaro di essere interessato a ricevere anche proposte commerciali da parte di RES srl o di eventuali sponsor, essendo cosciente che tale autorizzazione potrebbe comportare attività di profilatura della clientela. (Consenso facoltativo)